CeBIT 2013 PDF Stampa
Scritto da Rodigari Mario   

22 Dicembre 2012

Al via CeBIT 2013 (5/9 marzo). È la “Shareconomy” il nuovo tema conduttore

Hannover. Dopo la tecnologia del cloud nel 2011 e il tema della gestione della fiducia (Managing Trust) nell’edizione 2012, il prossimo anno il CeBIT punterà i suoi riflettori sulla “Shareconomy”. “Le applicazioni cloud si impongono sempre di più, gli utenti hanno acquistato fiducia – ora il CeBIT, come evento mondiale della massima importanza per l’economia digitale, pone al centro della propria attenzione la ripartizione e condivisione di saperi, risorse ed esperienze come nuove forme della collaborazione”, dichiara Frank Pörschmann, Responsabile del CeBIT all’interno del CdA della Deutsche Messe. “Nuove soluzioni per l’informazione e per la comunicazione creano nuove premesse tecnologiche per il futuro. Il fenomeno dello sharing in tutti i suoi aspetti si sta evolvendo come importante premessa per uno sviluppo pienamente responsabile.”

Nelle aziende di successo, i moderni strumenti che consentono una veloce e completa ripartizione dei saperi sono già realtà. “Blog, Wiki, collaboration, voting e altre soluzioni software modificheranno nei prossimi anni il nostro mondo del lavoro nel segno di un grande dinamismo. Cambierà la comunicazione; cambierà il modo di prendere le decisioni, che saranno di tipo diverso; cambierà il ruolo del managment, così come cambieranno le esigenze dei dipendenti nel rapporto con i loro futuri datori di lavoro”, dice Pörschmann. “In poche parole, possiamo dire che ci sarà una facebookizzazione dell’economia globale. Chi vorrà avere successo, dovrà agire in rete.” Questo tipo di evoluzione si tocca già con mano nell’utilizzo dei beni di consumo, dove si tende a privilegiare l’utilizzo o il noleggio al posto dell’acquisto. “Il car-sharing si sta imponendo sempre di più come nuova forma di mobilità. I portali musicali che consentono un impiego temporale limitato godono di sempre maggiore popolarità.” Anche le soluzioni software vengono sempre più utilizzate in funzione del fabbisogno, in modo più personalizzato, più mirato e più rapportato al tipo di applicazione. E ci si sposta sempre più da una soluzione pacchetto completa a una “soluzione parziale”, ad esempio per SaaS (Software as a Service), PaaS (Platform as a Service) e IaaS (Infrastructure as a Service).

Alla scelta della “Shareconomy” come tema conduttore del CeBIT 2013 si è arrivati dopo un processo di selezione a più fasi nel corso del quale sono stati interpellati presidenti e amministratori delegati delle maggiori aziende high-tech, top manager dell’industria utente, istituti di ricerca internazionali e parecchie migliaia di fan della pagina facebook del CeBIT. “Non c’è alcun dubbio”, conclude Pörschmann. “La ‘Shareconomy’ è attualmente IL tema più dibattuto sia in ambito economico sia in ambito sociale.”

Appuntamento quindi al CeBIT, il più importante evento mondiale dell’economia digitale e momento trainante del business di settore. L’edizione 2013 prevede l’allestimento di quattro piattaforme ad orientamento applicativo (pro, gov, lab e life) mirate su tecnologia dell’informazione, telecomunicazioni, elettronica e media online. Le CeBIT Global Conferences offriranno invece, con i loro keynotes e forum, una panoramica completa sui mercati chiave del mondo digitale. Paese Partner del CeBIT 2013 è la Polonia.

Per tutte le informazioni e iscrizioni: www.cebit.de

Ritorna all'Indice

 

09 Novembre 2012

Pilz: Nuovo Bollettino Ufficiale relativo alla Direttiva Macchine

Nell'edizione del Bollettino Ufficiale UE 2012/C 256/01, pubblicata il 24 agosto 2012, vengono elencate alcune nuove Norme armonizzate.

Il 24 agosto 2012 la Commissione Europea ha pubblicato un nuovo Bollettino Ufficiale sulla Direttiva Macchine. Il Bollettino include un elenco aggiornato delle Norme armonizzate secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE e i relativi riferimenti.

Il nuovo elenco sostituisce il precedente 2012/C 159-01 ed è stato pubblicato con il numero 2012/C 256/01.

 

Download:

Bollettino Ufficiale dell'Unione Europea 2012/C 256/01

Ultimo aggiornamento Sabato 22 Dicembre 2012 18:05