Home Notizie Archivio 2012 Controllori ambiente SE7000
Controllori ambiente SE7000 PDF Stampa
Scritto da Rodigari Mario   

19 Ottobre 2012

Schneider Electric: Nuovi controllori ambiente SE7000

I controllori SE7000 rappresentano una soluzione applicabile sia su edifici di nuova costruzione che su strutture preesistenti per il controllo dei sistemi d’illuminazione, riscaldamento e condizionamento, funzionanti con il sistema all-in-one, caratterizzato dall’integrazione tra le diverse componenti. La configurazione del sistema non richiede l’uso di software, permettendo la riduzione dei costi d’installazione e abbattendo i tempi di montaggio, configurazione e emessa in esercizio.

I controllori inoltre sono dotati di sistemi di monitoraggio come PIR integrato e logiche di umidificazione e deumidificazione con sensore di umidità relativa integrato, e mentre in rete gli SE7000 sono disponibili in lettura/scrittura ed includono fino a 70 proprietà configurabili, ciascuno è dotato di sequenze di funzionamento configurabili, sensore di temperatura integrato, display e utilità di configurazioni interne. Schneider ha studiato una gamma di 96 modelli, per meglio soddisfare ogni esigenza d’installazione: dalle versioni economiche stand-alone a dispositivi più complessi con comunicazione basata su protocolli aperti, compatibili con sistemi standard BACnet® MS/TP, Echelon Lontalk® , Zigbee® wireless, rendendo più semplice l’integrazione con sistemi BMS e  Schneider Electric per la gestione intelligente degli edifici (iBMA) quali le serie TAC Vista, Andover Continuum, TAC I/A.

 

Tutti i modelli sono provvisti di un contattore ausiliario SPST per il controllo di presenza, utilizzabile per il controllo dell’illuminazione o disabilitare la funzione di risparmio di energia e di un ingresso sensore aria di scarico, tra i modelli  più accessoriati , quelli in cui la logica di controllo dell’economizzatore è stata integrata nel termostato per utilizzarla con attatori economizzatori smorzatori proporzionali.

Data la loro natura, i controllori SE7000 si applicano in una vasta gamma di contesti: fan-coil a 2 e 4 tubi, travi fredde, pompe di calore, riscaldamento a pavimento e cassette VAV, l’intera linea si adatta facilemte ai diversi tipi di utilizzo: edifici commerciali, scuole, università, ospedali, alberghi, edifici commerciali e centri militari.

Tra i principali elementi della gamma si trovano: i controllori di zona SE7200, controllori ventilconvettori SE7300 e Controller SE7600 per pompe di calore e installazioni in copertura.

Di seguito i dati tecnici:

Controllori di zona SE7200: forniscono un controllo degli attuatori di zona con postriscaldatori ed elementi radianti, unità a induzione, travi fredde passive, tramite uscite flottanti o analogiche a due posizioni mentre tre ingressi supplementari permettono di integrare funzioni di monitoraggio e/o funzioni avanzate; il contattore ausiliario SPST integrato abilita il controllo dell’illuminazione o di elementi radianti ausiliari o può essere utilizzato come uscita controllabile in rete.

Controllore ventilconvettori SE7300: garantiscono performances per apparecchiature a velocità multipla, con valvole di controllo della temperatura flottanti e analogiche a due posizioni. I diversi modelli offrono funzioni di deumidificazione, rilevamento dell’umidità integrate, e sono disponibili tre ingressi supplementari. Tutti i modelli sono dotati di funzionalità tramite pulsante, configurabili per la maggior parte delle applicazioni, e contengono un contattore ausiliario SPST integrato abilita il controllo dell’illuminazione o di elementi radianti ausiliari o può essere utilizzato come uscita controllabile in rete.

Controller SE7600 per pompe di calore e installazioni in copertura: progettata per il controllo a stadio singolo o multistadio di apparecchiature di riscaldamento e raffrescamento. Le funzioni del prodotto sono intuitive, azionabili tramite display LCD retroilluminato, fornito di un menù, che guida l’utente nella programmazione. Ogni modello ha due ingressi digitali utilizzabili per monitorare lo stato dei filtri, attivare un interruttore di rilevazione presenza remoto temporaneo e/o come generico indicatore di servizio. A seconda del modello, sono inoltre disponibili fino a tre ingressi di sensori remoti.

Ritorna all'Indice
Ultimo aggiornamento Domenica 11 Novembre 2012 15:36