Home Notizie Archivio 2012 Navi rompighiaccio nel Mar Artico
Navi rompighiaccio nel Mar Artico PDF Stampa
Scritto da Rodigari Mario   

06 Ottobre 2012

Ordine da 35 milioni di dollari ad ABB per una nuova generazione di navi rompighiaccio

ABB, il gruppo leader nelle tecnologie per l’energia e l’automazione, si è aggiudicata di recente un ordine da 35 milioni di dollari dalla Baltic Shipyard Ltd. per la fornitura dei sistemi di propulsione e di impianti elettrici ad alta efficienza per la nuova nave rompighiaccio al momento in costruzione per la compagnia di navigazione Rosmorport FSUE. L’ordine è stato registrato nel terzo trimestre 2012.

La nave è un’unità rompighiaccio multifunzione di nuova generazione con propulsione diesel-elettrica da 25 megawatt. Le aree di navigazione saranno la Northen Sea Route, il Mare Artico e gli estuari dei fiumi che confluiscono nel Mar Glaciale Artico. La nave è in grado di procedere in modo continuativo sia in avanti che indietro, alla velocità di due nodi nel ghiaccio compatto con spessore fino a due metri, coperto da 20 centimetri di neve e temperature che raggiungono meno 35° centigradi. Vantaggi considerevoli possono essere raggiunti grazie all’adozione dei sistemi di propulsione Azipod, nell’ordine del 20% di riduzione nei consumi di carburante. Le forniture sono previste per il 2013, mentre la nave sarà consegnata a Rosmorport nel 2015.

“Le condizioni estreme del Circolo Polare Artico richiedono una disponibilità costante di energia, e l’efficienza di tutti i sistemi di bordo, ha dichiarato Veli-Matti Reinikkala, responsabile della divisione Process Automation di ABB. “Le soluzioni ABB assicurano l’affidabilità e la manovrabilità necessaria per questo tipo operazioni. Questo accordo è per noi un importante pietra miliare che sottolinea la nostra eccellente reputazione nel mercato russo come partner affidabili nel lungo periodo e rafforza la nostra leadership globale come fornitori di sistemi di propulsione destinati alle navi rompighiaccio”.

ABB fornirà sistemi di generazione e distribuzione di potenza integrati, i motori delle pompe anti incendio e il sistema  di propulsione da 25 megawatt. Il sistema di propulsione è composto da due unità Azipod (potenza 2 x 7,5 MW) più un sistema di propulsione tradizionale con elica a passo fisso a centronave  che eroga una potenza di 10 megawatt. Tutte queste unità Azipod sono progettate per supportare le prestazioni necessarie alle condizioni estreme del Mar Glaciale

Ritorna all'Indice
Ultimo aggiornamento Sabato 06 Ottobre 2012 15:41