Home Notizie Archivio 2012 Tanti auguri Same!
Tanti auguri Same! PDF Stampa
Scritto da Rodigari Mario   

29 settembre 2012

1942-2012, Settanta candeline per lo storico marchio di Treviglio

Sono passati 70 anni da quando, nel 1942, la Same – Società Accomandita Motori Endotermici, venne fondata a Treviglio - BG da Francesco ed Eugenio Cassani. Le vere origini di risalgono però agli anni Venti, quando i fratelli Cassani sviluppano il progetto del primo motore diesel applicato a un trattore e nel 1927 presentarono la prima trattrice agricola industrializzata azionata da un motore diesel. Una macchina innovativa e molto più funzionale rispetto ai modelli tradizionali. Nel 1936 nasce la Spica - Società Pompe Iniezione Cassani, per la costruzione di apparati di iniezione per motori diesel successivamente ceduta all’Alfa Romeo.

Dalle prime produzioni ad oggi

Sono del 1947 la motofalciatrice a tre ruote con volante e sellino reversibili e il trattorino 'Universale' da 10 cavalli; nel 1952, Same sviluppa il bicilindrico 'DA25', seguito dal 'Super Cassani' a tre cilindri e dal 'Sametto' a un cilindro.

Nel 1956 viene realizzato il nuovo stabilimento su un’area coperta di 80mila metri quadrati con un’unica grande officina lunga 250 metri. Tre le linee di lavoro: motori, verniciatura e assemblaggio trattori.

Nel 1957 la produzione tocca quota 3mila trattori all'anno. Nel 1961 nascono 'Puledro' e 'Samecar'; gli anni ‘60 sono caratterizzati dal passaggio da macchine di concezione tradizionale a trattori più evoluti. L’adozione di soluzioni tecniche tuttora valide, conduce alla nascita di 'Centauro', 'Leone' e 'Minotauro'.

È degli anni ''70 l’ingresso del marchio nel segmento dell’alta potenza con 'Drago', un 6 cilindri in linea da 100 cavalli e 'Panther' a 5 cilindri.

Sono di quegli anni l’idroguida, il cambio sincronizzato e le pompe d’iniezione immerse che diventano presto caratteristica fondante dei motori Same.

Il trattore Tiger 100, realizzato a metà degli anni ‘70, con freni a disco in bagno d’olio, è considerato il migliore trattore d’Europa.

Dopo il successo negli anni ‘80 delle serie 'Laser' ed 'Explorer' con motori serie 1000 e cambi a tre alberi, l’introduzione della regolazione elettronica dell’iniezione su motori serie 216 e delle nuove centraline di controllo delle funzioni della trattrice, chiude il decennio.

Gli anni '90 sono dominati dai modelli 'Antares' e 'Titan' con cambio Powershift.

Il primo progetto sviluppato ad hoc per trattori speciali per vigneto e frutteto arriva con il 'Frutteto 2' cui seguono i trattorini di bassa potenza dedicati agli impieghi in vigneto, in frutteto nelle serre e nel garden. Oggi, per le lavorazioni in vigna, si parla di Precision Farming con satellite.

Ritorna all'Indice
Ultimo aggiornamento Sabato 29 Settembre 2012 09:31