Home Notizie Archivio 2012 Sistema di controllo per velocizzare le turbine
Sistema di controllo per velocizzare le turbine PDF Stampa
Scritto da Rodigari Mario   

10 Agosto 2012

Da Abb e Ansaldo Energia un sistema di controllo per velocizzare le turbine

Basato sulla tecnologia SymphonyTM Plus, renderà più flessibile la produzione di gas. Intanto Finmeccanica conferma la volontà di cedere la società genovese

Migliorare l'efficienza delle turbine a gas è uno degli obiettivi prioritari per l'industria del settore, soprattutto considerando i cambiamenti in atto nei sistemi elettrici nazionali. Tra cui quello italiano, che deve gestire la quantità crescente di energia rinnovabile, lasciando alle centrali termoelettriche un ruolo sempre più in panchina, pronte a entrare in funzione tempestivamente in caso di necessità. Così da un accordo stipulato nel 2010 tra Abb e Ansaldo Energia è appena arrivato sul mercato un nuovo sistema di controllo per turbine a gas e vapore. Abb, gruppo specializzato nelle tecnologie per l'automazione, e Ansaldo Energia, società genovese posseduta da Finmeccanica e dal fondo statunitense First Reserve, hanno sviluppato questo sistema pensando proprio alla flessibilità d'utilizzo. Il controllo delle turbine si basa sulla tecnologia SymphonyTM Plus di Abb, la più diffusa nel mondo con oltre 6.000 applicazioni.

Elevata potenza di calcolo, flessibilità e compatibilità con i dispositivi di comunicazione più avanzati sono le sue principali caratteristiche. Tanto che il sistema di controllo può essere applicato alla maggior parte delle turbine esistenti e a quelle che Ansaldo Energia sta progettando. Giuseppe Zampini, amministratore delegato di Ansaldo Energia, ha osservato che la collaborazione con Abb s'inserisce «nel percorso d'innovazione di Ansaldo Energia, che si è data come obiettivo lo sviluppo di sistemi sempre più flessibili, collaborando con tutte le realtà territoriali più significative». Sullo sfondo, però, ci sono i dubbi sul futuro della società: stando alle indiscrezioni riportate da alcune agenzie, infatti, la tedesca Siemens sta per offrire 1,3 miliardi di euro per acquisire l'intero pacchetto di Ansaldo Energia. Con l'obiettivo di controllare un pericoloso concorrente sul mercato internazionale delle turbine. Giuseppe Orsi, presidente e amministratore delegato di Finmeccanica, ha poi confermato la volontà del gruppo di cedere la società energetica, controllata per il 55%: «Riteniamo che Ansaldo Energia debba trovare una sua corretta collocazione nell'ambito dei più grandi gruppi industriali internazionali, per continuare a crescere e a sviluppare tecnologia».

Ritorna all'Indice
Ultimo aggiornamento Sabato 11 Agosto 2012 20:58