Home Notizie Archivio 2012 Tecnologia Memosens
Tecnologia Memosens PDF Stampa
Scritto da Rodigari Mario   

03 Giugno 2012

Investire sulla tecnologia Memosens significa risparmiare sui costi

Non è una contraddizione dire che gli investimenti contribuiscono a ridurre i costi. I clienti di Endress+Hauser hanno potuto risparmiare fino al 50% sui costi di manutenzione avendo installato i Memosens, dopo il lancio commerciale cinque anni fa. Oggi, sul sito web di Endress+Hauser è possibile calcolare online il risparmio che si può ottenere utilizzando sensori Memosens, con tecnologia digitale non a contatto.
Il passaggio da analogico a digitale ha prodotto buoni frutti.
A partire da ottobre 2009, Endress+Hauser ha prodotto ed installato più di 130.000 elettrodi di pH con tecnologia Memosens. A seconda delle esigenze applicative, gli utenti hanno potuto risparmiare tra il 30% e il 50% sui costi di manutenzione, rispetto a quanto fino ad allora previsto per punti di misura del pH con tecnologia analogica. Con il nuovo calcolatore online ww.apps.endress.com/memosens i clienti possono ora calcolare quanto risparmiano, sulla base di valori standard. Possono anche scoprire quando il loro investimento sarà ripagato. Un semplice calcolo richiede solo tre valori: il numero di punti di misura, il numero di tarature al mese e il numero di sensori di ricambio necessari in un anno, per ciascun punto di misura. Se i clienti sono a conoscenza delle tariffe orarie di esperti e personale operativo della propria azienda, così come del numero delle ore necessarie per le tarature, il calcolo può essere ulteriormente personalizzato.
I clienti adottano la tecnologia Memosens di serie
Al giorno d'oggi, un mondo senza sensori Memosens con connessione induttiva plug-in è praticamente inconcepibile. I vantaggi tecnici di questa tecnologia del sensore sono particolarmente evidenti in condizioni di processo difficili. Per esempio, clienti del calibro di Bayer, Merck e Lanxess, hanno già adottato per i loro impianti i sensori Memosens come standard.
Mr. Werske, esperto di tecnologia di misura e controllo nella produzione chimica della società Merck KGaA, mette in evidenza i principali vantaggi di Memosens: "La possibilità di sostituire i sensori direttamente onsite ed effettuare la manutenzione in condizioni ottimali, migliora le prestazioni del processo in termini di qualità ed è più che sufficiente a giustificare l'investimento."
La strategia di manutenzione di Merck si basa sulla manutenzione predittiva, con personale che si occupa semplicemente di sostituire i sensori ad intervalli regolari. Gli specialisti si occupano quindi di rigenerare gli elettrodi sostituiti, per un loro riutilizzo futuro. Questa strategia prolunga la vita operativa dei sensori in modo significativo. Il personale di Merck utilizza inoltre i software Memobase per analizzare e ottimizzare i loro sistemi di misura e le strategie di manutenzione.
Uno sforzo congiunto per utilizzare e migliorare la tecnologia Memosens
Memosens ha suscitato scalpore nel settore. Quattro clienti Endress+Hauser su cinque oggi optano per sensori intelligenti con tecnologia Memosens per strumentare nuovi impianti. Grazie alla partnership con questi clienti, questa tecnologia sta diventando lo standard industriale de facto.
Il primo accordo di collaborazione è stato firmato tra Endress+Hauser e Knick. Questi due produttori di tecnologia di misura stanno sviluppando una piattaforma comune per sensori induttivi, dotati di sistemi di connessione senza contatto, per il beneficio di tutti gli utenti. La qualità e la compatibilità è garantita dal sigillo di qualità Memosens. Lo stesso vale per la società Hamilton Bonaduz, un altro produttori di sensori con tecnologia Memosens. Ciò significa che i clienti possono ora scegliere tra diversi fornitori di sensori e dispositivi.

Ritorno all'Indice
e 2012
Desigo V5: Innovations from Siemens increase building efficiency
The Siemens Building Technologies Division has introduced version 5 of its Desigo building automation system. Its innovative products such as Total Room Automation as well as efficiency features, like RoomOptiControl and Eco Monitoring, give building operators and users an active role in energy management, leading to permanent reductions in energy and maintenance costs.
A state-of-the-art building automation system is always optimized for energy-efficient operation. However, these optimized settings may start to drift over time. One of the underlying causes is often a lack of transparency for users who simply don't know how the setpoint changes they make can impact energy consumption. This is particularly true for air-conditioned rooms which are also equipped with lighting and sun protection controls. The new version of Desigo keeps room users and building operators apprised of the building's efficiency status. Feedback to users is given using the innovative Green Leaf display, adapted to the expertise and control options of each user group. The system makes it possible to change settings if needed to restore optimal energy efficiency. A study by Technische Universität München (TUM) indicates that by actively involving operators and users in the energy management of a building, energy consumption can be reduced by up to 25% without affecting comfort.
Total Room Automation offers energy savings without reducing comfort
The open, programmable room automation range Desigo Total Room Automation (TRA) is a holistic solution encompassing the HVAC, lighting and shading disciplines. Desigo TRA uses an innovative efficience feature called RoomOptiControl. It automatically detects unnecessary energy consumption in the room and notifies users by changing the color of the Green Leaf icon on the QMX3 room control unit: If room operations are energy efficient, this icon is green. If settings made by a room user lead to unnecessary energy consumption, the icon turns red. To reset room control to energy efficient operation, the user simply presses the display and the Green Leaf icon returns to green.
Using BACnet/IP, PXC3 room automation stations—also part of the TRA package—are integrated seamlessly into the PX automation level with its primary systems (heating generators, HVAC main units and cooling generators). The primary systems are controlled directly through the demand signals from the rooms. This means that the primary systems are only turned on if needed and their operation is adjusted so it meets the room requirements without exceeding them. One room automation station can cover multiple rooms. TRA offers complete integration of KNX, DALI and EnOcean devices; existing or new sensors and actuators from Siemens can be incorporated as well.
Eco Monitoring to reduce energy consumption and wear
Eco Monitoring is another innovative efficiency feature of Desigo. It monitors ongoing operations of HVAC systems based on energy-related quality condition indicators such as readings from temperature, humidity and pressure sensors, runtime, switching behavior and operational performance of the systems. Should deviations from the target state, inefficient operations or increased energy consumption occur, the building operator is notified via the Green Leaf display on the Desigo Insight management station. Current and future international standards (such as EN 15323:2007) require such a feature in order to optimize building operations over the long term.
Desigo Eco Monitoring not only helps optimize energy consumption, it also reduces wear. Thanks to its dynamic behavior and timely reporting, the Eco Monitoring feature recognizes unfavorable system operations early on, allowing operators to intervene immediately before any negative impact occurs. If desired, operators can choose to be notified of unusual events via text messaging (SMS), fax or e-mail.
Expanded networking of the automation level
Starting with version 5, Desigo also offers expanded end-to-end networking of the automation level. Enhanced support for communications standards ensures efficient system integration. The PXC series of compact automation stations has a higher number of universal inputs/outputs, which makes them much more flexible. To protect existing investments, different device generations, such as PTM and TX I/O modules and RXC room controllers, can be used in parallel on the same PX automation station.

Ultimo aggiornamento Domenica 03 Giugno 2012 19:54