Home Notizie Archivio 2012 Rinnovabili: Clini si gioca futuro Italia
Rinnovabili: Clini si gioca futuro Italia PDF Stampa
Scritto da Rodigari Mario   

10 Maggio 2012

Rinnovabili: Clini, sul loro ruolo si gioca futuro Italia

“Il futuro dell’Italia si gioca nella possibilità di aumentare il ruolo delle fonti rinnovabili”. Lo ha affermato a Verona Corrado Clini, Ministro dell’Ambiente, a margine degli “Stati Generali delle rinnovabili e dell’efficienza energetica In Italia” promossi in occasione della prima giornata della mostra internazionale Solarexpo, in Fiera. “Questo ruolo – ha precisato Clini – va riferito nel contesto della nostra economia e del sistema energetico, tenendo conto anche delle caratteristiche dell’Italia, che non è un grande produttore di petrolio, di gas e carbone e che non ha neanche il nucleare”.
“Per questo motivo le fonti rinnovabili – ha proseguito – rivestono un ruolo importante per la sicurezza energetica e per l’ambiente, visto che sono ad emissioni zero. Ma sono importanti anche per la crescita, perché investire nello sviluppo delle nuove tecnologie e nel miglioramento di quelle esistenti vuol dire presentarsi nei mercati internazionali con prodotti che oggi hanno un’altissima domanda”. “I numeri del mercato globale dell’energia – ha ricordato Clini – dicono che nel 2011 in assoluto le fonti rinnovabili hanno attratto la quota maggiore di investimenti, maggiori ad esempio rispetto all’estrazione del gas”. “Il che vuol dire – ha concluso – che i grandi investitori internazionali credono che lo sviluppo delle rinnovabili sia uno dei driver più importanti per la competitività del mercato globale dell’energia”.

SI APRE A VERONA SOLAREXPO
Si e’ aperta oggi, alla Fiera di Verona, l’edizione 2012 di Solarexpo, appuntamento leader in Italia dedicato alle fonti rinnovabili e considerato uno dei tre principali appuntamenti a livello mondiale, in programma fino all’11 maggio.
La mostra si presenta ai nastri di partenza con numeri record: oltre un migliaio le aziende espositrici, di cui il 40% provenienti da 30 nazioni europee ed extraeuropee, distribuite in oltre 100 mila mq esposizione. L’edizione di quest’anno, molto attesa dagli addetti al settore anche in considerazione dei numerosi investimenti tecnologici realizzati nell’ultimo anno, sarà articolata su 11 padiglioni fieristici. Più di sessanta gli eventi convegnistici in calendario, con il coinvolgimento di più di 300 relatori da tutto il mondo e 70 mila i visitatori professionali attesi. Complessivamente sono una quarantina le associazioni di settore coinvolte.
Solarexpo sarà affiancata dalla sesta edizione di Greenbuilding, la mostra-convegno internazionale dedicata all’efficienza energetica e all’architettura sostenibile. Si tratta di eventi uniti un’unica visione strategica e una grande sinergia, per offrire la più completa rassegna di prodotti, tecnologie e soluzioni nell’ambito delle rinnovabili e dell’architettura sostenibile.
Ad inaugurare la rassegna, nel pomeriggio, sarà il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini che parteciperà all’evento dal titolo “Gli Stati Generali delle rinnovabili e dell’efficienza energetica in Italia”. Al vertice parteciperanno tutte le associazioni nazionali della green economy e le istituzioni tecniche, che si confronteranno “in presa diretta” con la community nazionale dell’energia sostenibile sul 5ø conto energia e sui nuovi regimi di incentivazione delle altre rinnovabili elettriche, delle rinnovabili termiche e delle tecnologie ad alta efficienza. Al centro della discussione il varo degli attesissimi decreti e sullo sfondo le politiche strategiche al 2020 per la transizione ad un’economia low carbon.

SOLAREXPO 2012, LE RINNOVABILI ALLA SFIDA ANTI-CRISI
L’industria mondiale del solare, in particolare quella europea, sta affrontando in questi mesi le sfide di un ridimensionamento – con evidenti implicazioni economiche e sociali – della sovracapacità produttiva che si registra attualmente a livello mondiale, a fronte di un mercato in frenata.
A questo difficile quadro congiunturale su scala internazionale si aggiunge in Italia il perdurare di una condizione di grande incertezza sul futuro delle politiche di incentivazione, che riguarda tutte le energie rinnovabili e le tecnologie per l’efficienza energetica. Condizione che ovviamente si riflette appieno sulle scelte imprenditoriali, occupazionali e di investimento. Un’incertezza solo in parte interrotta dalla presentazione del nuovo conto energia per il fotovoltaico e del decreto di incentivazione per le altre rinnovabili elettriche.
In fasi di passaggio critiche come quella attuale, il ruolo di Solarexpo, evento di raccolta della business community nazionale e internazionale, fra le prime tre manifestazioni specializzate al mondo – 13/a edizione dal 9 all’11 maggio 2012 alla Fiera di Verona – si enfatizza in modo particolare, divenendo la ‘bussola strategica’ per la navigazione sui mercati e per affrontare le nuove sfide.
“Nel momento in cui il barometro del solare e delle altre tecnologie energetiche innovative potrebbe solo segnare brutto tempo – commenta Luca Zingale, direttore scientifico di Solarexpo – proprio da Solarexpo parte un segnale chiaro: di grandissima vitalità del settore e delle sue tante e giovani imprese, di generazione di massa critica economica e di visibilità nei confronti del governo tecnico e dei decisori politici, di orgogliosa affermazione di poter e voler crescere ancora”.
Gli sviluppi sul fronte dell’aumento dell’efficienza e della competitività economica con le fonti fossili, tutte le applicazioni tecnologiche innovative, i nuovi modelli di business, gli annunci di M&A e di alleanze societarie, la mobilitazione di nuovi capitali, i casi di successo nella conquista dei mercati emergenti del solare sono gli elementi cardine della green economy.

Ritorno all'Indice
05 Aprile 2012
Desigo V5: Innovations from Siemens increase building efficiency
The Siemens Building Technologies Division has introduced version 5 of its Desigo building automation system. Its innovative products such as Total Room Automation as well as efficiency features, like RoomOptiControl and Eco Monitoring, give building operators and users an active role in energy management, leading to permanent reductions in energy and maintenance costs.
A state-of-the-art building automation system is always optimized for energy-efficient operation. However, these optimized settings may start to drift over time. One of the underlying causes is often a lack of transparency for users who simply don't know how the setpoint changes they make can impact energy consumption. This is particularly true for air-conditioned rooms which are also equipped with lighting and sun protection controls. The new version of Desigo keeps room users and building operators apprised of the building's efficiency status. Feedback to users is given using the innovative Green Leaf display, adapted to the expertise and control options of each user group. The system makes it possible to change settings if needed to restore optimal energy efficiency. A study by Technische Universität München (TUM) indicates that by actively involving operators and users in the energy management of a building, energy consumption can be reduced by up to 25% without affecting comfort.
Total Room Automation offers energy savings without reducing comfort
The open, programmable room automation range Desigo Total Room Automation (TRA) is a holistic solution encompassing the HVAC, lighting and shading disciplines. Desigo TRA uses an innovative efficience feature called RoomOptiControl. It automatically detects unnecessary energy consumption in the room and notifies users by changing the color of the Green Leaf icon on the QMX3 room control unit: If room operations are energy efficient, this icon is green. If settings made by a room user lead to unnecessary energy consumption, the icon turns red. To reset room control to energy efficient operation, the user simply presses the display and the Green Leaf icon returns to green.
Using BACnet/IP, PXC3 room automation stations—also part of the TRA package—are integrated seamlessly into the PX automation level with its primary systems (heating generators, HVAC main units and cooling generators). The primary systems are controlled directly through the demand signals from the rooms. This means that the primary systems are only turned on if needed and their operation is adjusted so it meets the room requirements without exceeding them. One room automation station can cover multiple rooms. TRA offers complete integration of KNX, DALI and EnOcean devices; existing or new sensors and actuators from Siemens can be incorporated as well.
Eco Monitoring to reduce energy consumption and wear
Eco Monitoring is another innovative efficiency feature of Desigo. It monitors ongoing operations of HVAC systems based on energy-related quality condition indicators such as readings from temperature, humidity and pressure sensors, runtime, switching behavior and operational performance of the systems. Should deviations from the target state, inefficient operations or increased energy consumption occur, the building operator is notified via the Green Leaf display on the Desigo Insight management station. Current and future international standards (such as EN 15323:2007) require such a feature in order to optimize building operations over the long term.
Desigo Eco Monitoring not only helps optimize energy consumption, it also reduces wear. Thanks to its dynamic behavior and timely reporting, the Eco Monitoring feature recognizes unfavorable system operations early on, allowing operators to intervene immediately before any negative impact occurs. If desired, operators can choose to be notified of unusual events via text messaging (SMS), fax or e-mail.
Expanded networking of the automation level
Starting with version 5, Desigo also offers expanded end-to-end networking of the automation level. Enhanced support for communications standards ensures efficient system integration. The PXC series of compact automation stations has a higher number of universal inputs/outputs, which makes them much more flexible. To protect existing investments, different device generations, such as PTM and TX I/O modules and RXC room controllers, can be used in parallel on the same PX automation station.

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Maggio 2012 21:29