Home Notizie Archivio 2011 Investire in Ict farebbe risparmiare alla Pa 43 mld e far crescere il Pil
Investire in Ict farebbe risparmiare alla Pa 43 mld e far crescere il Pil PDF Stampa
Scritto da Martina Fusco   


Investire in Ict farebbe risparmiare alla Pa 43 mld e far crescere il Pil

Secondo una ricerca del Politecnico di Milano con la digitalizzazione della Pubblica amministrazione si potrebbero risparmiare fino a 43 miliardi. L'investimento in tecnologia porterebbe alla crescita del Pil

L'investimento in tecnologia potrebbe far risparmiare fino a 43 miliardi di euro l'anno alla Pubblica amministrazione e garantire all’Italia una crescita in termini di Pil poco inferiore al punto percentuale (tra lo 0,4% e lo 0,9%). Un’opportunità da non sottovalutare se si considera la difficile situazione internazionale.

Sono questi i dati emersi dalla ricerca dell'Osservatorio ICT e Management del Politecnico di Milano.

La riduzione della spesa per gli acquisti della Pubblica amministrazione potrebbe essere raggiunta attraverso l’eProcurement (risparmio si aggirerebbe intorno ai 4 miliardi di euro l'anno), aumentando l’efficienza che porterebbe a un aumento della produttività del personale (risparmio intorno ai 15 miliardi di euro l'anno) e riducendo in modo sostanziale i “costi di relazione” tra la Pa e le imprese attraverso la digitalizzazione di alcuni processi burocratici (risparmio intorno ai 23 miliardi di euro l’anno) e una più snella gestione dei pagamenti (risparmio di 1 miliardo di euro l'anno).

L’incremento del Pil sarebbe immediatamente realizzabile aumentando il peso degli investimenti in innovazione nella Pa di 150 milioni di euro; mediante lo stimolo agli investimenti delle imprese per 150 milioni di euro in più rispetto al valore attuale, attraverso defiscalizzazione e co-finanziamenti pubblici; tramite investimenti nella banda larga mobile pari a circa 1,5 miliardi di euro l'anno e sblocco degli investimenti per la ultra broad band fissa, ipotizzati in circa 1 miliardo di euro l'anno; aumento degli investimenti in start-up hi-tech per 150 milioni di euro in più rispetto a quelli attuali.

Sul campione di imprese prese a esame risultano due trend principali: la riduzione dei costi interni delle Direzioni ICT (attraverso soluzioni di consolidamento e razionalizzazione dei sistemi informativi 34%, e investimenti in soluzioni di Cloud Computing 30%) e la riduzione dei costi di Business Process con soluzioni di digitalizzazione dei processi e la Unified Communication & Collaboration.

tratto da: http://www.oipamagazine.eu

Ritorno all'Indice

 

http://www.ilfattoquotidiano.it

Ultimo aggiornamento Venerdì 09 Dicembre 2011 22:47